• Հայերեն
  • English
  • Français
  • Georgian
  • Русский
  • Español
  • Deutsch
  • فارسی
  • Türkçe
  • Italiano

Lo scultore armeno Vighen Avetis incontra gli studenti del Liceo Artistico “Varchi”. E nasce un gemellaggio

Dopo il simposio di scultura “Pietra Sublime” che si è tenuto a Cavriglia la scorsa primavera, lo scultore armeno Vighen Avetis, autore anche dell’opera “Toscana”, ora collocata in piazza Berlinguer, è tornato nel Valdarno e giovedì scorso ha incontrato gli studenti del Liceo Artistico – ISIS “Varchi” di Montevarchi. Nell’occasione, l’artista ha  visitato aule e laboratori artistici dell’Istituto montevarchino, intrattenendosi con i docenti e la Dirigente Chiara Casucci. Non è stato solo un momento culturale di livello, ma anche l’inizio di un vero e proprio gemellaggio che vedrà i ragazzi della classe 5LAM partire, con le insegnanti, nel mese di marzo alla volta dell’Armenia per visitare il complesso educativo Mkhitar Sebastatsi, una delle scuole più prestigiose della capitale Yerevan cui fa capo la scuola di scultura di cui Vighen è titolare. Il prossimo anno gli studenti armeni ricambieranno la visita, venendo in Valdarno. “Per i nostri ragazzi è un’occasione unica per approfondire lo studio dell’arte ma soprattutto per ampliare i propri orizzonti entrando in contatto con una cultura così ricca e diversa”, hanno detto all’Isis Varchi.